Ecco come arrivare alla pensione minima: tutto ciò che c’è da sapere

Pensione minima di 535 euro: non tutti possono accedervi, eppure un trucchetto che ti permetterà di riceverla c’è.

Non possiamo aspettarci che tutti abbiano la stessa pensione, infatti questo calcolo varia a seconda degli anni di contributo di lavoro. Ma nel caso in cui questi non fossero sufficienti a raggiungere il minimo indispensabile?

pensione minima
Pensione minima, trucchi per arrivarci – finanzarapisarda.com

Le pensioni sono una delle tematiche più in voga in questo momento a causa dei tanti provvedimenti che il governo ha messo in atto che puntano a migliorare lo standard di vita dei pensionati. Non tutte le pensioni prevedono la medesima retribuzione a fine mese, variano molto in base ai contributi che il soggetto ha versato durante gli anni lavorativi. Oggi parleremo della pensione minima che spetta, in genere, solo a chi ricade nel calcolo contributivo misto, parliamo dei contributi versati prima del 1996. Per chi non ha raggiunto il numero di anni previsti di contributi è previsto l’assegno sociale.

L’assegno sociale e la pensione minima

Tale misura che abbiamo menzionato poco fa è una delle principali misure assistenziali che l’Inps mette a disposizione per i cittadini. Quando questi ultimi raggiungono l’età di 67 anni (età media del pensionamento), ma non hanno versato abbastanza contributi per ricevere la pensione, ecco che viene concesso l’assegno sociale. Quando parliamo di pensione minima, invece facciamo riferimento ad una specie di salvagente introdotto nel 1983 per le pensioni che abbiano un importo troppo basso e che quindi non consente ai cittadini di avere una vita dignitosa.

leva obbligatoria
L’importanza della leva obbligatoria per il raggiungimento della pensione minima – finanzarapisarda.com

Trucchi per arrivare alla pensione minima

Non sempre i contributi devono essere pagati. Infatti, uno dei modi per aumentare gli anni di occupazione per arrivare alla pensione minima è il riscatto (soprattutto per gli uomini) del servizio di leva. Bisogna semplicemente presupporre che nella nostra vita esistono periodi, di lunga o breve durata, in cui ci si è impegnati a svolgere delle attività che possono anche distaccarsi dal lavoro. Prima abbiamo citato il servizio di leva, ma in che modo questo può essere utile per arrivare alla pensione minima? Semplicemente, gli anni che si prestano al servizio delle Forze armate italiane possono essere coperti da contributi figurativi che possono aiutare tanto ad arrivare alla pensione minima. L’interessato, che ha fatto servizio di leva, deve fare domanda all’Inps al fine di ottenere tale accredito figurativo.