Nuove regole sul cambio sim, ad intervenire è l’Agcom

Misure restrittive dell’Agcom in merito alla pratica del cambio gestore. Ecco cosa cambia con la nuova regolamentazione.

Per risolvere il problema delle frodi e truffe, l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni chiederà l’identificazione dell’intestatario della sim card.

agcom cambio sim
Cambio sim, le nuove regole dell’AGCOM – finanzarapisarda.com

Capita a tutti di sottoscrivere contratti telefonici con i gestori e di non trovarsi bene a causa della mancanza di linea o dell’aumento della promozione. La prima azione che in genere si compie è quella della richiesta del cambio sim. In principio, tale operazione era tra le più semplici, bastava semplicemente il documento della persona e il vecchio seriale della sim per effettuare la portabilità. Da oggi, purtroppo, il cambio sim non sarà più semplice come prima e a confermarlo è proprio l’Agicom che ha dovuto prendere importanti decisioni per fronteggiare un problema fondamentale: le truffe.

La truffa delle sim

Alla base di tale decisione vi è un’importante causa: puntare a debellare una volta e per tutte le frodi. Il numero di truffe, purtroppo, è cresciuto di anno in anno causando non pochi problemi ai cittadini italiani. Secondo i dati Crif, ad essere sottratti sono stati circa 125 milioni di euro a causa dei furti di identità avvenuti per mezzo del cambio sim. Tali truffe, chiamate anche “Sim Swap” sono tra le più frequenti nel campo delle truffe informatiche. I truffatori, con tale cambio sim, si impossessano del numero di cellulare del malcapitato allo scopo di accedere a servizi ed informazioni che sono strettamente collegate alla sim. Di che informazioni parliamo? Sappiamo che oggi, l’accesso ai servizi online richiede anche l’autenticazione attraverso un codice (OTP) ricevuto tramite sms nel proprio cellulare. Anche i servizi bancari si avvalgono di tale metodo. Il rischio in questo caso è elevato perché con il numero del telefono preso illegalmente, i truffatori possono accedere ai servizi bancari e far partire bonifici, sottraendo illegalmente denaro.

agcom e truffe
Agcom contro i truffatori di sim – finanzarapisarda.com

Le posizioni dell’Agcom

Con l’inasprirsi della situazione, l’Agcom ha dovuto prendere in mano la situazione e arginare il problema. Ad oggi, effettuare la portabilità del proprio numero non risulterà poi così semplice. L’intestatario di un numero telefonico non potrà più delegare altre persone per effettuare tale cambiamento, in più oltre alle copie del documento d’identità e del codice fiscale dovrà portare anche una copia della sim dell’operatore di partenza. Una volta che l’operatore ha attivato la sim, il nuovo gestore invierà un sms al numero dell’utente che servirà a confermare l’intera procedura. Questa nuova procedura, secondo l’Agcom, dovrebbe porre fine ad un problema che ha causato un grande numero di persone truffate nel corso degli anni.