Mutuo: tutte le opzioni disponibili per abbassare la rata

Molte persone associano l’aumento dei prezzi solo a beni di prima necessità, alimenti, bollette e carburante, purtroppo però vengono coinvolti anche i tassi delle banche, che nell’ultimo periodo hanno incrementato anche di molto i costi di gestione e dei mutui.

Le famiglie con un mutuo conoscono bene il peso che quest’ultimo ha sulle condizioni economiche e l’impatto che ha sul reddito familiare, quindi gli aumenti già apportati e quelli previsti per il futuro spaventano non poco, obbligandole a scegliere come risparmiare.

tassi bancari aumentati
Rate del mutuo – pixabay

I mutui bancari aumentati

La BCE ha recentemente dichiarato che i tassi applicati sui mutui stanno subendo un aumento dello 0,75% e la notizia ha creato un vero e proprio terrore nelle famiglie che hanno acceso un mutuo a tasso variabile, in quanto potranno assistere ad un aumento fino a 3100 euro all’anno.

Gli aumenti da parte degli istituti bancari ha l’obiettivo di ridurre il tasso dell’inflazione che è arrivato all’11%, causando aumenti in tutti i settori, inclusi alimenti, beni di prima necessità, carburante e bollette.

Fortunatamente esistono delle soluzioni che possono essere proposte alla propria banca così da accedere ad un mutuo con rate un po’ più basse, così da riuscire a mantenere un minimo potere di acquisto.

mutuo alto
Tassi di interesse cresciuti – pixabay

Come richiedere un abbassamento di rata

La proposta da sottoporre alla banca riguarda la rinegoziazione dell’accordo del mutuo in corso, decidendo di passare al tasso fisso o a quello variabile, ridimensionando sia il tasso in sé che lo spread applicato sui costi.

Si può anche richiedere di allungare temporalmente il mutuo così da avere a disposizione rate più basse e più abbordabili in un periodo in cui l’instabilità economica delle famiglie è alle stelle. Questa opzione però, pur abbassando momentaneamente le rate mensili, va ad aumentare quello complessivo, quindi è una decisione da prendere con molta attenzione.

Nel caso in cui non si riesca a trovare un accordo con la propria banca, si può decidere di spostare il proprio conto e mutuo su una banca differenze, che può offrire contratti più vantaggiosi e delle condizioni più ottimali per le proprie esigenze.

Le pratiche del cambio viene gestito interamente dalle banche, che si occuperanno di ogni pratica burocratica e si assumeranno anche le spese notarili e le spese di istruttoria e di perizie immobile.

L’ultima opzione disponibile riguarda la cancellazione del vecchio debito per accenderne uno nuovo, così da poter ritoccare la cifra iniziale su cui vengono posti i tassi di interessa maggiorati.