Spese condominiali, forse non lo sai: chi non deve pagarle

Le spese condominiali sono un onere relativo alle parti comuni di un edificio che grava su tutti i comproprietari.

In questo articolo proveremo a rispondere alla domanda: “esiste una categoria di condomini che possono non pagare le spese condominiali?”.

regolamento
Regolamento condominiale – finanzarapisarda.com

Quando parliamo di spese condominiali facciamo riferimento al pagamento mensile di una somma di denaro destinato alle parti dell’edificio adibite all’uso comune, come il suolo dove sorge l’edificio, il tetto, la facciata, il portone. Rientrano in tali spese anche la manutenzione delle aree destinare al parcheggio e le zone dedicate ai servizi comuni. In relazione a tali beni, per loro natura soggetti a continui costi di gestione e di manutenzione ordinaria, tutti i condomini sono onerati del pagamento delle spese condominiali.

Chi paga le spese condominiali?

Supponiamo che Tizio abiti al primo piano e che, per sua abitudine non usa mai l’ascensore perché preferisce raggiungere il proprio piano a piedi. L’ascensore subisce un guasto e bisogna ripararla, anche Tizio dovrà contribuire alle spese condominiali per la riparazione dell’ascensore? La risposta è si. Anche chi non utilizza uno spazio comune, in questo caso l’ascensore, è tenuto a partecipare alle spese condominiali. Così come, se un edificio ha un terrazzo pubblico, anche chi non accede mai al terrazzo è tenuto a partecipare alle spese di manutenzione del lastrico solare. Ma, esiste una categoria specifica di persone che non hanno diritto a pagare le spese? Anche in questo caso la risposta è affermativa. Si tratta di condomini che non possono, neanche potenzialmente, utilizzare il bene. Facciamo un semplice esempio. Accanto all’edificio in cui abita Tizio c’è un garage convenzionato. Se Tizio non ripone l’auto in questo garage, non è tenuto a pagare le spese per il suo mantenimento perché il garage si trova distaccato dall’edificio. Infatti, secondo la legge, se l’utilità riguarda la singola proprietà esclusiva e l’intervento non può servire uno o più condomini, non sussiste il loro obbligo a contribuire alle spese relative.

riunione
Riunione condominiale – finanzarapisarda.com

Come si dividono le spese condominiali

Chiarito le condizioni di chi deve o non deve pagare le spese condominiali, andiamo ad analizzare in che modo vengono divise. Il criterio di ripartizione delle spese è quello proporzionale ed è necessario ad introdurre il concetto di millesimi. Cosa sono i millesimi? Rappresentano le quote di comproprietà delle parti comuni di ciascuno dei condomini, rispetto al valore totale dell’edificio, in relazione al valore della singola unità immobiliare. La proporzionalità è definita dalle tabelle millesimali. Tali tabelle servono ad individuare il valore della singola unità immobiliare in relazione alle parti comuni dello stabile. I valori sono contenuti all’interno di un documento allegato al regolamento di condominio. Le tabelle sono obbligatorie solo quando il numero dei condomini è superiore a dieci.