Pagamenti Reddito di Cittadinanza: le nuove date di novembre (con sorpresa)

Dopo un blocco a causa dei ritardi di ottobre, i pagamenti del Reddito di Cittadinanza riprendono: ecco le date di novembre.

A causa di un sovraccarico, le lavorazioni delle pratiche del Reddito di Cittadinanza hanno tardato ad arrivare nel mese di ottobre, per il mese di novembre non sono previsti ritardi.

reddito di cittadinanza
Pagamenti date novembre del RdC – finanzarapisarda.com

Secondo quanto previsto dal calendario dei pagamenti, il primo accredito di questo mese, dovrebbe arrivare intorno al 21 novembre per i vecchi percettori e a partire dal 16 novembre per chi ha inviato una domanda per il Reddito di Cittadinanza. Rientrano in tale categoria anche chi ha chiesto il rinnovo allo scadere delle prime 18 mensilità. Chi invece ha già ricevuto almeno una mensilità di Reddito o Pensione di Cittadinanza, riceverà l’accredito entro il 27 novembre. Le categorie sopracitate possono, ad ogni modo, conoscere la data esatta del pagamento accedendo all’area riservata del servizio dedicato sul sito ufficiale dell’INPS con l’ausilio dello SPID, Carta d’Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi.

Accredito del bonus 150

Cosa aspettarsi dai pagamenti del mese di novembre? Tale mese sarà particolarmente proficuo per chi percepisce il Reddito di Cittadinanza. Per quale motivo? Oltre alla mensilità prestabilita dal sussidio, verrà accreditato anche il tanto atteso bonus 150 euro. Tale bonus è un contributo versato una sola volta per aiutare le famiglie che riversano in uno stato di grande difficoltà economica e sociale a causa del caro delle bollette energetiche. Attenzione, perché non tutti sono considerati beneficiari di tale bonus, infatti l’accredito arriverà (in maniera automatica) alle famiglie che hanno un reddito annuo inferiore a 20 mila euro lordi.

coda posta
Ritardo nei pagamenti del mese di ottobre 2022 – finanzarapisarda.com

Cause dei possibili ritardi nel pagamento

In molti si sono chiesti perché ci siano continui ritardi nel pagamento del sussidio. Il mancato accredito può dipendere da diversi fattori:

  • Se la domanda di accesso al sussidio viene inoltrata nel mese di novembre, la prima ricarica dovrà partire dal mese di dicembre;
  • La scadenza delle 18 mensilità, poiché la successiva ricarica potrà essere predisposta solo dopo un mese;
  • Inoltro domanda i rinnovo del Reddito a ottobre: novembre rappresenta il mese di sospensione del pagamento, tale periodo è necessario all’INPS per valutare la nuova domanda e il rispetto dei requisiti;
  • Sospensione per superamento requisiti reddituali, discordanza del modello ISEE 2022 o mancato aggiornamento entro due mesi dalla variazione;
  • Decadenza del beneficio per aver rifiutato almeno per due volte impegni di lavoro.