In che cosa consiste il nuovo “saldo a stralcio” e come influirà sui debiti?

Manca davvero  poco, per non dire proprio pochissimo,  all’arrivo del nuovo  saldo e stralcio per le cartelle esattoriali: ecco quanti soldi potrete risparmiare. Siete pronti a prendere nota?

Sono decisamente varie  e assai numerose le ipotesi sul prossimo passo del nuovo Governo, quello più chiacchierato del momento è il condono delle cartelle esattoriali, detto anche operazione  saldo e stralcio . Vediamo di saperne qualcosa in più…

Saldo a stralcio Finanza Rapisarda

Cartelle stracciate?

La manovra verrebbe- e qui il condizionale è decisamente obbligatoria-  effettuata soltanto sulle cartelle esattoriali con importi inferiori ai mille euro, ma sarebbe comunque un ottimo aiuto sia per i cittadini che per l’amministrazione del Fisco che così  smaltirebbe qualche cartella di troppo. Per le cartelle tra i 1.000 ed i 2.000 euro dovrà invece essere pagato soltanto il 20% dell’importo, mentre il restante 80% sarebbe stralciato. Per cartelle più ricche di 2.500 l’importo dovrà essere invece pagato nella sua interezza,  ma vengono scontante le sanzioni e gli interessi da pagare, sostituiti da una penale del 5%.

E’ giunta una nuova era

Per le cartelle non ancora inviate si andrebbe- invece-  a pagare una sanzione forfettaria del 5% più una rateizzazione del massimo 5 anni. Come ha dichiarato un portavoce di Fratelli d’Italia a  Il Messaggero: “L’obiettivo non è una semplice riforma del sistema tributario ma l’apertura di una nuova era nei rapporti tra Fisco e contribuenti, ispirata alla reciproca fiducia e al riequilibrio dei rapporti tra cittadini e Stato”. Secondo i calcoli del nuovo Governo, riscuotere tutte le cartelle arretrate è  praticamente impossibile dal momento che  sono 23 milioni gli italiani che hanno almeno una cartella esattoriale da pagare, per una cifra pari a 1.100 miliardi di euro.

Bisogna fare pulizia

L’ammontare indica le cifre che il Fisco avrebbe dovuto riscuotere negli anni passati. Chiaramente stiamo parlando di un’  operazione non eseguita a causa del malfunzionamento dell’ente. Oggi è-  e lo ribadiamo ancora una volta- assolutamente  impossibile e improponibile  recuperare i soldi persi. Inoltre pensate che  la Corte dei Conti ha calcolato che potrebbe essere recuperato solo il 7% del totale. Maurizio Leo, responsabile economico del partito della Meloni, ha spiegato  a tal proposito: “L’Agenzia delle Entrate deve togliere di mezzo le cartelle inesigibili, perché lì non si potrà riscuotere niente e quindi bisognerà fare pulizia di quelle cartelle”.

Saldo a stralcio Finanza Rapisarda

Il costo di recupero, che guaio!

Poco dopo ha anche aggiunto: “Poi abbiamo le cartelle di ammontare inferiore: se andiamo a mettere a raffronto queste cartelle da recuperare e il costo di recupero, il costo di recupero è superiore all’ammontare richiesto””.

E ora- pensate-  di cartelle ne arriveranno a migliaia, ergo è necessaria una bella pulizia!