Pensioni, Nord e Sud non sono uguali: chi guadagna di più

Pensionati con assegni più alti al Nord rispetto al resto d’Italia e con importi pari al 7,2% in più rispetto alla media nazionale.

Gli ultimi dati della stima INPS in merito alle pensioni rivelano un vero e proprio “gender gap pensionistico”.

pensioni italia
Stime INPS sulle pensioni in Italia – finanzarapisarda.com

Rispetto agli scorsi anni, le stime hanno dimostrato come il numero di pensionati aumenti sempre di più. Parliamo di quasi 16,1 milioni di pensionati durante il corso del 2021 con una crescita del 3,6% rispetto all’anno precedente. Le stime non hanno solo rivelato i grandi numeri in merito alle pensioni, ma ne è venuto fuori un ulteriore elemento molto interessante. Vediamo insieme quale. Innanzitutto bisogna soffermarsi sul tipo di pensioni che vengono erogate. Circa il 78% di queste sono di invalidità, vecchiaia, mentre le assistenziali (invalidità civili, assegni e pensioni sociali o pensioni di guerra) costituiscono il 19% del totale. Il gruppo più numeroso, ad oggi, è rappresentato dai titolari di pensioni di vecchiaia.

Gender gap pensionistico

Sempre secondo i report annuali di INPS, possiamo stabilire che sul numero totale dei pensionati, le donne rappresentano la quota maggioritaria, essendo loro presenti con una percentuale del 52%. Perché però si parla di gender gap? Non perché a percepire le pensioni sono più donne che uomini, ma semplicemente perché gli uomini percepiscono il 56% dei redditi pensionistici. Dunque si verifica che il maggior numero di beneficiari interessi le donne, ma l’assegno più ricco sarebbe quello versato agli uomini.

settentrione pensioni
Il settentrione ha un maggior numero di pensioni e pensionati – finanzarapisarda.com

Maggiore numero di pensioni nel Settentrione

Le stime dell’INPS hanno, però, messo in luce un altro aspetto importante. Da tali analisi è stato dimostrato come le pensioni e i pensionati siano presenti in maggior misura nelle regioni settentrionali con una percentuale del 47%. Ad aumentare non è solo il numero dei pensionati ma anche gli importi delle pensioni. Infatti, rispetto al resto d’Italia, al Nord le pensioni hanno un importo elevato pari al 7,2% in più. Per il meridione non tutto è perduto, si stima un numero maggiore di beneficiari di trattamenti pensionistici con età inferiore ai 55 anni.