Testamento e donazione, la differenza tra i due è abissale: per l’eredità punta tutto su di lui | Il risparmio è netto

Fare testamento
Testamento e donazione, la differenza tra i due – Corporate+ – www.FinanzaRapisarda.com

Per scaramanzia non ci si pensa mai, ma se siete oculati dovreste gestire il vostro patrimonio in vita, per evitare dissidi tra gli eredi.

Non si discute mai di cosa accadrà “dopo”, quanto la vita lascerà il corpo, sicuramente il defunto riposerà in pace, ma se non è stato lungimirante in vita i suoi eredi avranno moltissime difficoltà nella gestione del patrimonio grande o piccolo che sia.

Eredi legittimi, legittimari, testamentari, tasse di successione, grado di parentela, sono tutti termini appartenenti al diritto di successione, che non è una delle branche più semplici della giurisprudenza.

Molte persone preferiscono sistemare il patrimonio in vita tramite delle donazioni, altri invece si affidano ad un testamento per lasciare per iscritto tutto quello che decidono di distribuire ai loro eredi.

Entrambi gli istituti comportano tasse e verifiche, in più la donazione non è sempre gradita ai notai, dato che è un negozio instabile e revocabile per ingratitudine.

Disposizioni patrimoniali aspetti fiscali

Ci sono ovviamente degli adempimenti fiscali quando vengono conclusi donazione e testamento (oltre all’onorario del notaio). Dal punto di vista fiscale bisogna fare riferimento al grado di parentela tra testatore ed erede e tra donante e beneficiario

Le donazioni e successioni tra coniugi, figli, nipoti, bisnipoti, genitori, nonni e bisnonni , hanno una franchigia di 1 milione di euro di valore e aliquota del 4% applicata sull’eccedenza della soglia indicata; quelle tra fratelli ,franchigia di 100 mila euro di valore e aliquota del 6% sull’eccedenza; donazioni e successioni tra altri parenti fino al 4° grado o tra affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al 3° grado, imposta del 6%, senza franchigia; donazioni e successioni tra estranei o parenti meno stretti, aliquota dell’8%, senza franchigia.

Atto giuridico
Aspetto burocratico di donazione e testamento – Corporate+ – www.FinanzaRapisarda.com

Aspetti burocratici

Come ogni contratto la donazione e la successione devono avere la forma stabilita dalla legge, gli aspetti burocratici da considerare sono diversi tra donazioni e testamenti, la donazione di mobili ed immobili richiede un atto notarile in presenza di due testimoni, mentre il testamento varia in base alle forme che assume.

Il testamento olografo, viene redatto dal testatore. Si precisa che può essere meno sicuro di una donazione o del testamento pubblico, perché potrebbe non essere trovato o smarrito dai parenti nella confusione generale. Il testamento pubblico viene redatto e conservato dal notaio, mentre quello segreto è scritto dal testatore e consegnato al notaio che lo custodisce. Ricordate che un bene ricevuto in donazione è molto più difficile da vendere, rispetto ad uno ereditato.