Acquisti, lo stratagemma geniale che ti fa guadagnare comprando: sembra assurdo ma è tutto vero

frenare shopping d'impulso
shopping- finanzarapisarda.com

Gli acquisti impulsivi sono quelli che pesano di più sulle nostre finanze: bisogna essere certi che quello che stiamo acquistando risulti utile e che non rappresenti uno spreco.

Gli acquisti d’impulso sono quegli acquisti non premeditati e immediati relativi ad un certo prodotto e possono arrivare a costituire fino all’80% delle spese dei consumatori. Secondo una ricerca condotta da Dialogica, anche il 50% delle spese alimentari sono causate da impulsività.

Contrariamente a ciò che si pensa gli acquisti d’impulso avvengono soprattutto nei negozi fisici: i clienti si sentono a proprio agio nella scelta di prodotti che non sono particolarmente necessari ma che sono presentati in modo da sembrare indispensabili.

Ad essere oggetto di acquisti d’impulso sono soprattutto prodotti che generano un alto margine, anche se spesso questo si verifica su prezzi unitari di importo abbastanza contenuto per quello che riguarda gli store fisici.

In un momento storico in cui diventa importante risparmiare anche la più piccola somma di denaro, ogni euro che non viene impiegato in un acquisto d’impulso è un euro guadagnato. Ecco perché bisogna trovare il modo di frenarsi sugli acquisti inutili.

Check list per frenare gli acquisti impulsivi: le domande da porsi

Prima di comprare qualcosa possiamo applicare il metodo della check list, un elenco di domande a cui rispondere che ci permettono di riflettere sul reale bisogno di questo acquisto. In molti casi applicando questo metodo ci si frena da soli poco prima di completare l’acquisto. La prima domanda da porsi, la più importante, riguarda il budget: dobbiamo chiederci se quanto stiamo acquistando sia nei limiti di quanto ci possiamo permettere di spendere.

Ognuno di noi stila un budget mensile, lasciando da parte anche una cifra da dedicare agli sfizi e alle spese che possono considerarsi non necessarie: dobbiamo valutare se intendiamo davvero investire quel budget nell’acquisto di ciò che abbiamo davanti in quel momento. Come secondo step dobbiamo chiederci se questo acquisto possa renderci davvero felici nel lungo termine e se possa migliorare in qualche modo la qualità della nostra vita: quello che stiamo acquistando potrebbe risultare gradito sul momento, ma inutile nel tempo o potrebbe semplicemente andare a soddisfare un nostro bisogno momentaneo.

evitare acquisti impulsivi
aggiunta al carrello- finanzarapisarda.com

Risparmiare evitando acquisti inutili: il metodo per avere più denaro a disposizione

La terza domanda da porsi riguarda l’effettiva reperibilità di quello che stiamo acquistando: potremmo ritrovare lo stesso prodotto tra gli acquisti di qualcuno che conosciamo? Amici o parenti potrebbero prestarci ciò che desideriamo comprare affinché svolga le stesse funzioni per il tempo necessario senza il bisogno di sprecare denaro? La risposta ci guiderà verso la cassa o l’uscita.

Infine dobbiamo valutare la presenza di un prodotto simile che sia già presente all’interno della nostra casa. Risulterebbe molto inutile procedere con l’acquisto di qualcosa che può svolgere una funzione per cui abbiamo già acquistato altro. Con queste piccole accortezze otterremo una serie di benefici per le nostre tasche e potremmo guadagnare denaro utile da investire per altri scopi e obiettivi più importanti da raggiungere.