Rottamazione cartelle, la quater cambierà tutto? Tra ipotesi e novità

All’orizzonte per il 2023 , che è ormai praticamente alle porte, si intravede una nuova edizione della rottamazione cartelle. Sarebbe la quater.  Dunque che cosa conviene fare? Pagare o aspettare?

Quale è la scelta migliore per quel che riguarda le cartelle di pagamento del 2022 oramai agli sgoccioli? Tutte le informazioni a riguardo per non sbagliare!

Cartelle di pagamento Finanza Rapisarda

Tre edizioni di rottamazione

Cominciamo con il dire che, fino ad ora,  il legislatore ha previsto tre edizioni della rottamazione cartelle. L’ultima è stata la cosiddetta  “rottamazione ter”, che ha interessato tutti coloro che avessero uno o più debiti con Agenzia delle entrate-Riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. Per l’edizione precedente , quindi- a questo punto-  la rottamazione bis, i debiti di riferimento erano quelli iscritti a ruolo dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016. Tutto chiaro fino qui? Ok, si prosegue…

Che cosa significa rottamare una cartella

Ma ora molti di voi si chiederanno- e pure giustamente-  che cosa significa rottamare una cartella… Significa – in poche parole- di godere della sua definizione agevolata ed -in particolare- della possibilità, assolutamente ghiotta e ragguardevole- di estinguere i debiti iscritti a ruolo, versando le somme dovute senza- e qui sta una grande notizia-  corrispondere le sanzioni e gli interessi della tanto odiata mora.

L’ultima edizione della rottamazione cartelle, come già  detto poco fa  è la ter, che altro non è che  una sanatoria che rimane ancora aperta fino al 5 dicembre 2022 e che interessa,  lo ribadiamo nuovamente,  i debiti iscritti a ruolo dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. Ma per accedervi bisognava- necessariamente- fare domanda all’Agenzia Entrate Riscossione. Gli ammessi dovevano pagare gli importi dovuti in 4 rate. Queste le prime tre : 28 febbraio 2022, 31 maggio 2022 e 31 luglio 2022. L’ultima rata è in scadenza il 30 novembre 2022, dunque a strettissimo giro.

Scadenze e novità

Il mancato pagamento alle suddette scadenza comporterebbe- e qui fate davvero molta attenzione-  la decadenza dal beneficio. Il condizionale – che avrete di certo notato- è dovuto al fatto che con il Decreto Sostegni ter è stato deciso che il pagamento si considera tempestivo se l’importo di tutte le rate è pagato entro-e non oltre- il 30 novembre 2022.

Ma- udite udite- c’è un’altra buona novella dal momento che tale può slittare al 5 dicembre 2022 in applicazione dei c. 5 giorni di tolleranza previsti dall’art 3 comma 14-bis, del decreto-legge n. 119 del 2018. Dunque,  si tratterebbe- in poche parole- di una sanatoria rate 2022 con 5 giorni di tolleranza, non di più  però! Della serie, non tiriamo un po’ troppo la corda!

Cartelle di pagamento Finanza Rapisarda

In arrivo la quarter?

E ora a quanto pare potrebbe arrivare una nuova edizione di rottamazione delle cartelle con l’attesissima  Legge di Bilancio 2023. Ma poi la manovra- come ben sappiamo- dovrà essere in primis scritta e in secundis approvata. Ergo, ancora di concreto non abbiamo un bel niente ma, da alcune indiscrezioni, pare che potrebbero esserci queste tre misure: una sanatoria cartelle con stralcio totale per debiti iscritti a ruolo dopo il 2015 e fino a 1.000 euro.

Tali debiti- poi-  verrebbero – chiediamo scusa ma stiamo ancora nel piano delle ipotesi- annullati automaticamente dall’Agenzia delle Entrate Riscossione senza alcuna  necessità di presentare alcuna domanda. Inoltre, l’importo dei 1.000 euro si riferirebbe al singolo debito e non all’intera cartella.